Contattaci subito: 055 5387207
la chirurgia plastica estetica

Centro Laser Firenze – chirurgo plastico dott Fabio Quercioli

Cavitazione medica

Richiedi informazioni

 

Rimodella il tuo corpo per eliminare la cellulite e il grasso in modo sicuro e indolore con la cavitazione medica

L’ultrasuono e l’effetto cavitazionale sono fenomeni fisici ben noti agli scienziati da molti anni, entrambi sfruttati in vari modi anche al di fuori dell’ambito medico.

Il trattamento di Cavitazione medica praticato con l’innovativo apparecchio Med Countour II, certificato dalla FDA, li sfrutta entrambi in sinergia per per il rimodellamento del corpo, al fine di ottenere i migliori risultati di lipolisi e rassodamento dei tessuti:

l’ultrasuono ha un’azione termica e meccanica volta a bombardare la superficie delle molecole adipose al fine di ridurle di dimensioni, grazie alla fuoriuscita dei lipidi attraverso la membrana cellulare.

– l’effetto di cavitazione induce l’abbassamento della pressione locale all’interno degli adipociti, con la formazione di microbolle di vapore che successivamente implodono, provocando la fuoriuscita degli acidi grassi (successivamente metabolizzati dall’organismo).

La tecnologia di questo macchinario riesce con la sua azione ad eliminare la cellulite e il grasso in modo efficace, indolore e a costi molto più accessibili rispetto alla chirurgia.

Come funziona il trattamento di cavitazione medica

Lo speciale manipolo di cui è dotato il nuovo sistema computerizzato Med Contour II per cavitazione è in grado di generare un potente doppio fascio di ultrasuoni defocalizzati modulati in bassa frequenza su di una portante a 1 Mhz, che garantisce un’efficacia straordinaria in totale sicurezza.

Il manipolo ultrasonico, tramite un generatore di vuoto, crea con delicatezza una plica tissutale, che poi irradia sulle due pareti laterali per convogliare la maggior quantità possibile di energia sulle masse adipose. Il risultato, fin dalla prima seduta,  è una significativa riduzione degli accumuli di grasso e dei pannicoli di cellulite, che conferisce alla zona trattata un aspetto più levigato e tonico.

Il passaggio ripetuto del manipolo di induce fenomeni termici, meccanici, chimici e di cavitazione:

• l’effetto termico aumenta la microcircolazione e il volume delle cellule adipose

• l’effetto meccanico si espleta con micro­ oscillazioni verso zone con pressione minore, e provoca variazioni della permeabilità della membrana delle cellule di adipe

l’effetto di cavitazione provoca la formazione di microbolle all’interno degli adipociti

Gli acidi grassi (trigliceridi), fuoriusciti dalle cellule adipose, raggiungono il fegato attraverso le vie linfatiche, e vengono metabolizzati ed eliminati come qualsiasi grasso alimentare. Per favorire questo processo ed attenuare il suo impatto sull’organismo, durante ogni seduta si applica anche un manipolo drenante, che ha la funzione di favorire l’apertura delle stazioni linfatiche.

Con il trattamento di cavitazione e ultrasuono si ottengono contemporaneamente più vantaggi; oltre alla lipolisi,ossia lo scioglimento delle cellule adipose, il trattamento favorisce il rassodamento dei tessuti, grazie al riscaldamento in profondità che provoca contrazione del collagene e neo collagenesi; per raggiungere la massima efficacia, si aggiunge l’azione di linfodrenaggio.

La perdita di centimetri si accompagna ad un visibile miglioramento dell’aspetto della cute, che appare fin dalla prima seduta più tonica ed elastica.

 

Quando è indicato il trattamento 

 

Il trattamento di cavitazione medica è ambulatoriale e non invasivo.

Nel corso delle sedute, il pannicolo adiposo delle zone trattate si riduce progressivamente e in maniera definitiva, perché la membrana delle cellule di grasso viene parzialmente distrutta, e gli acidi grassi liberati vengono eliminati come un qualsiasi grasso alimentare attraverso il metabolismo.

Possono essere trattate le adiposità localizzate in varie zone del corpo, come braccia, addome, fianchi, glutei,  gambe (regione trocanterica, ginocchia, caviglie).

La cavitazione non è specifica per il trattamento del viso, del collo, di mani e piedi, dei genitali.

Il trattamento è adatto per persone adulte in buono stato di salute, poichè i trigliceridi  fuoriusciti dalle cellule adipose per effetto dell’ultrasuono devono essere assorbiti dal sistema linfatico ed eliminati attraverso il metabolismo, il che richiede un pur modesto impegno dell’organismo.

La cavitazione medica può prevedere, inoltre, l’infiltrazione nel tessuto adiposo di soluzione fisiologica con lidocaina oppure di farmaci lipolitici con lidocaina, per potenziare l’effetto lipolitico, secondo il parere del medico.

 

Quando non è indicato il trattamento

Il trattamento non può essere effettuato in caso di lesioni cutanee, ed è sconsigliato ad alcune categorie di persone:

– pazienti affetti da patologie del sistema immunitario, dislipidemie croniche, malattie del fegato, del cuore, della tiroide, dei reni e dell’apparato urinario

– pazienti che soffrono di disordini della coagulazione, tromboflebiti e connettivopatie

– pazienti in cura con farmaci liposolubili, antinfiammatori e antitumorali

– portatori di pacemaker, protesi metalliche di qualsiasi genere e protesi acustiche

– pazienti trapiantati

– donne in gravidanza, o che utilizzano la spirale (se deve essere trattata la zona addominale)

 

Abbinare il trattamento di cavitazione alla pressoterapia

L’ultrasuono a bassa frequenza emesso dall’apparecchiatura per cavitazione permette un trattamento sicuro, efficace nel ridurre lo spessore delle adiposità localizzate e della cellulite, praticamente indolore e privo di effetti collaterali, salvo, talvolta, un temporaneo eritema o gonfiore della zona trattata.
Nel corso del trattamento, tuttavia, i grassi eliminati localmente raggiungono il fegato attraverso le vie linfatiche per essere metabolizzati ed eliminati dall’organismo.
E’ molto utile agevolare il drenaggio linfatico con una dieta adeguata (che sarà il medico a consigliare), bevendo molta acqua e abbinando eventualmente sedute linfodrenanti di Pressoterapia GP Drain.
GP Drain è un macchinario per pressoterapia progettato per effettuare un drenaggio veno-linfatico profondo, particolarmente efficace per rimuovere liquidi accumulati, distendere e tonificare pelle e muscoli e combattere la cellulite.
Il “massaggio” di GP Drain è molto piacevole e rilassante, avviene indossando due speciali gambali dotati ciascuno di 9 settori indipendenti, disposti a spina di pesce, tramite i quali la spinta pressoria si sovrappone gradualmente senza lasciare interspazi durante il gonfiaggio, (eliminando così il reflusso sanguigno e migliorando la circolazione).
Questo metodo è stato studiato per “svuotare” dolcemente la gamba, dal basso verso l’alto, in maniera continuativa e lenta, rispettando l’attività del sistema linfatico.
E’ possibile impostare un programma completamente personalizzato per le specifiche esigenze del paziente, in funzione della problematica che si vuole trattare, che richiede pressioni di lavoro differenziate per la massima efficacia.

Prima

Durante la prima visita il medico è in grado di stabilire se il trattamento di ultrasuonoterapia è adatto al paziente, e se è possibile ottenere il risultato desiderato. Ci sono aree del corpo che non possono essere trattate (come la testa, il collo, le mani, i piedi e i genitali) e controindicazioni legate allo stato di salute generale.I lipidi fuoriusciti dalle cellule adipose per effetto dell’ultrasuono, infatti, devono essere assorbiti dal sistema linfatico ed eliminati attraverso il metabolismo, il che richiede un pur modesto impegno dell’organismo.

L’ultrasuonoterapia medica può prevedere, infine, l’infiltrazione nel tessuto adiposo di soluzione fisiologica con lidocaina oppure di farmaci lipolitici con lidocaina, per potenziare l’effetto lipolitico, secondo il parere del medico.

Una volta chiarito ogni aspetto, è possibile fare una previsione del numero delle sedute necessarie ad eliminare l’adipe localizzato, ed i relativi costi.

Durante

All’inizio della seduta, sul corpo del paziente viene passato un manipolo drenante, con lo scopo di aprire le stazioni linfatiche che dovranno eliminare le scorie di grasso durante e dopo il trattamento; una volta terminata questa fase, la zona da trattare viene cosparsa di un olio specifico, che aumenta la penetrazione degli ultrasuoni, e si inizia ad applicare il manipolo per la cavitazione, regolandone l’ intensità in base alle esigenze specifiche del paziente.

Ad ogni sequenza di emissione di ultrasuoni l’operatore sposta il manipolo su un punto diverso, per evitare il riscaldamento eccessivo. Il paziente non deve avvertire dolore, ma solo una sensazione simile a un massaggio, accompagnata da calore intenso.

Il trattamento ha una durata variabile dai 30 ai 60 minuti, e la cadenza è settimanale, in modo da consentire all’ organismo di smaltire fisiologicamente gli acidi grassi fuoriusciti dalle cellule adipose colpite.

Dopo

Subito dopo la seduta di ultrasuonoterapia si possono riprendere le normali attività, ricordando di bere molto per favorire lo smaltimento dei trigliceridi liberati nell’ organismo. Può essere utile anche effettuare un massaggio linfodrenante manuale, o effettuare nella stessa settimana un’ulteriore seduta solo drenante, o ancora una seduta di pressoterapia. E’ molto utile anche indossare una guaina compressiva (eventualmente medicata) per favorire la circolazione linfatica, e praticare una leggera attività fisica.

Risultati

Durante il ciclo di trattamenti (di solito da 8 a 12 sedute, con cadenza settimanale), al fine di ottenere i migliori risultati è necessario seguire una dieta corretta, meglio se leggermente ipocalorica, bere in abbondanza e svolgere attività fisica leggera ma costante.

L’ efficacia del trattamento di cavitazione è legata alle prerogative tecniche dell’apparecchiatura, che, grazie a frequenze e potenze di emissione adeguate, è in grado di indurre la rottura delle membrane delle cellule adipose e fuoriuscita dei lipidi per un’ effettiva riduzione della dimensione delle cellule adipose.

 

Per ulteriori informazioni visita il sito monotematico www.lacavitazionemedica.it